normativa-in-campo-agricoloIl ministero dell’agricoltura e delle politiche forestali ha emanato una serie di provvedimenti che andranno a favorire anche i giovani che vorranno intraprendere un’attività imprenditoriale nel mondo agricolo, attraverso l’accesso facilitato alla terra ed al credito per avviare la nuova attività, grazie ad uno stanziamento di 10 miliardi di euro per coprire la parte nazionale di stato e Regioni per attuare le politiche comunitarie del settore della pesca e dell’agricoltura ed altri 5 milioni aggiuntivi in un Fondo per l’assistenza alimentare a milioni di famiglie che vivono sotto la soglia della povertà.

Ecco elencate punto per punto le varie misure contenute in questo nuovo emendamento.

  1. Vantaggi per i giovani imprenditori agricoli, in quanto verranno concessi in concessione o in affitto alcuni terreni pubblici per uso agricolo. La determinazione del canone d’affitto per questi terreni sarà determinato da un meccanismo in grado di evitare speculazioni. Questo provvedimento prevede che il fondo del capitale di rischio sia destinato principalmente alle aziende agricole guidate da giovani agricoltori. In questa manovra potranno inserire alcuni terreni destinati ad uso agricolo anche regioni, province e comuni.
  2. Ripristino di agevolazioni tributarie per le piccole proprietà contadine, attraverso lo sconto dell’1% dell’imposta di registro, imposta catastale e tassa ipotecaria a misura fissa qualora il trasferimento dei terreni avvenga a beneficio di imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti. Per tutti gli altri casi l’aliquota è del 12%.
  3. Stanziamento di cinque milioni di euro nel Fondo degli indigenti per l’assistenza alimentare, norma che riguarda quattro milioni di italiani che purtroppo vivono di povertà alimentare.
  4. Stanziamento di cinque milioni di euro per il programma denominato ”Interventi per soccorsi” al fine di garantire il funzionamento della flotta aerea del Gruppo Forestale dello Stato.
  5. Applicazione dell’esenzione o riduzione dell’accisa sul gasolio per il funzionamento dei mezzi impiegati nella piscicoltura, allevamento e lavoratori agricoli attraverso lo stanziamento di circa 41 milioni per il periodo 2014-2016.
  6. Stanziamento di 60 milioni di euro per sostenere la competitività e lo sviluppo del sistema alimentare e agricolo italiano in vista dell’esposizione universale 2015 di Milano con tema l’alimentazione.
  7. Stanziamento di un fondo di cinque milioni di euro per la produzione di zucchero e prodotti ad esso collegati.
  8. Stanziamento di un importo compreso tra 9 e 10,4 miliardi di euro di cui per il 70% a carico dello Stato e il restante 30% a carico delle regioni interessate allo scopo di coprire la quota nazionale per i vari progetti cofinanziati insieme all’Unione europea nei settori della pesca, dello sviluppo agricolo e dei fondi strutturali. A questi si aggiungono altri dieci miliardi che verranno messi a disposizione dal FEASR, ovvero il Fondo agricolo europeo per lo sviluppo della campagna.
  9. Stanziamento per un importo massimo di 150 milioni di euro per la stipula di Contratti di sviluppo nel settore dell’industria, riguardante sia le varie aziende agricole ma soprattutto quelle relative a commercio e trasformazione dei prodotti agricoli, da fare nelle aree industriali individuate da ogni regione non interessate dall’Obiettivo Convergenza.
  10. Istituzione di un nuovo fondo speciale volto a realizzare il Padiglione Vino che sarà considerato il fulcro dell’area Italiana nell’esposizione universale Milanese dell’anno 2015.

Per ulteriori approfondimenti, si consiglia di rivolgersi all’avvocato a Bologna Giampiero Martini, vice Presidente del Consorzio Agrario di Ferrara.